Tribunale di Napoli: La protezione speciale prevista dal novellato art. 19 TUI va riconosciuta allo straniero che corra rischio di subire una lesione del diritto alla propria vita privata.1 min read

a cura della Dott.ssa Martina Onesto
“Secondo la nuova normativa, il diritto dello straniero al riconoscimento della protezione internazionale Scarica qui il provvedimentoè riconosciuto ogniqualvolta il respingimento (o l’espulsione) rappresenti, per fondati motivi, una violazione del diritto al rispetto della vita privata e familiare nonché del diritto alla salute, ovvero dei diritti riconosciuti dalla Convenzione di Ginevra sui rifugiati e dalla Carta Europea. Gli elementi che costituiscono parametro di valutazione sono la natura e l’effettività dei vincoli familiari dell’interessato, l’effettivo inserimento sociale in Italia, la durata del suo soggiorno nel territorio nazionale, l’esistenza di legami familiari, culturali o sociali con il suo Paese d’origine.

Questi indici evocano proprio la precedente protezione umanitaria, il cui riconoscimento era subordinato all’esigenza di tutelare situazioni di vulnerabilità personale derivanti dal rischio del richiedente di essere immesso nuovamente, in conseguenza dell’eventuale rimpatrio, in un contesto sociale, politico e ambientale idoneo a costituire una significativa ed effettiva compromissione dei diritti fondamentali e inviolabili (per tutte, Cass. civ., sez. I, 6 aprile 2020, n. 7733). Entrambe le forme di protezione – umanitaria e speciale – richiedono l’apprezzamento del rischio di compromissione di diritti fondamentali scaturente dal rimpatrio, in ragione delle particolari condizioni personali dello straniero”.

Scarica qui il provvedimento