Agosto 13

Accompagnamento alla frontiera del cittadino straniero: la “crocetta” non esaurisce l’obbligo di motivazione incombente sul Giudice della convalida.

a cura dell’Avv. Luigi Migliaccio Non è sufficiente “barrare la casella” relativa al generico richiamo dei presupposti di legge, ma la convalida dell’accompagnamento alla frontiera a mezzo della forza pubblica (art. 13 co. 4 T.U.I.), impone che il provvedimento giurisdizionale adottato all’esito dell’udienza camerale prevista dall’art. 13 co. 5 bis T.U.I. sia motivato e rechi.

Dicembre 9

Giudice di Pace di Caserta, ordinanza del 9 dicembre 2016

Giudice di Pace di Caserta, ordinanza del 9 dicembre 2016

Va annullato il decreto di espulsione quando, pure a fronte dello specifico motivo di opposizione, l’Amministrazione resistente non fornisca la prova dell’avvenuta convalida da parte dell’AGO del provvedimento di accompagnamento coattivo alla frontiera.