Marzo 27

Il Tribunale di Napoli riconosce protezione internazionale alla giovane richiedente nigeriana per le violenze fisica e psicologica patite in quanto vittima di un matrimonio “non voluto” (child marriage).

Si ritiene che la ricorrente, cittadina nigeriana, appartenga al “particolare gruppo sociale” ai sensi dell’art. 8 lett. d, d.lgs. n.251/07, ai fini della valutazione dello status di rifugiato, rientrando il matrimonio forzato, quando era ancora minorenne, nel concetto di grave atto di violenza fisica e psichica, di cui all’art. 7 lett. A) d.lgs 251/07: emerge.

Luglio 29

TAR Campania Napoli: il riconoscimento della protezione sussidiaria legittima il rilascio del titolo di viaggio ex art. 24, co.2, d.lgs 251/07.

a cura del Dott. Andrea Di Maio In materia di rilascio del titolo di viaggio per stranieri (art. 24, co.2, d.lgs. 251/07), la comprovata titolarità del permesso di soggiorno per protezione sussidiaria rilasciato in virtù del ricorrere di rischio di danno grave di cui alle lett. A (pena di morte) e B (tortura o trattamenti.

Giugno 16

Art. 31, co. 3, T.U.I: le questioni di massima di particolare importanza risolte dalle Sezioni Unite

Suprema Corte di Cassazione, Sez. Unite Civili, Ord. n. 22216/2006: La presenza dei gravi motivi deve essere puntualmente dedotta dal ricorrente e accertata dal tribunale per i minorenni come emergenza attuale solo nell’ipotesi di richiesta di autorizzazione all’ingresso del familiare nel territorio nazionale in deroga alla disciplina generale dell’immigrazione; ciò non vale sempre, invece, nell’ipotesi.