Maggio 27

Ricongiungimento e diritto all’unità familiare. La tutela giurisdizionale contro il silenzio del Consolato: il ricorso ex art. 30 TUI.

Il silenzio-inadempimento tenuto da una Pubblica Amministrazione sulla richiesta di visto di ingresso in Italia a seguito di intervenuto rilascio di nulla osta al ricongiungimento familiare è soggetto al controllo giurisdizionale del G.O., senza che l’azione proposta ai sensi dell’art. 30 d.lgs 25 luglio 1998 n. 286 costituisca impugnazione in senso tecnico, ma trattasi di.

Maggio 16

Corte di Appello di Reggio Calabria riconosce al cittadino pakistano del Punjab lo status di avente diritto a protezione sussidiaria ai sensi degli artt. 14 e ss. del D. Lg. n. 251 del 2007 e modif. succ.

Per il riconoscimento della protezione sussidiaria ai sensi al artt. 14 e ss. del D.Lg. n. 251 del 2007 non è necessario che il richiedente asilo rappresenti una condizione di personale e diretta esposizione al rischio, quando – dalla situazione generale del Paese – sia possibile evincere che la violenza è generalizzata e non controllata.

Maggio 2

La Corte di Appello di Napoli, definitivamente pronunciando sull’appello, riconosce al cittadino nigeriano del Biafra il diritto alla protezione sussidiaria (art. 14 lett. b, d.lgs. 251/07)

Diversamente dallo status di rifugiato, il requisito della personalizzazione del rischio ai fini dell’accertamento del diritto alla protezione sussidiaria ex art. 14 lett. b) d.lgs. 251/07 è meno stringente, non necessitando che il richiedente protezione sia stato personalmente, intuitu personae, vittima di persecuzioni. Difatti, considerando l’area di provenienza del richiedente alla luce delle informative disponibili.